Kosmous beyond the clouds: Sviluppo, Formazione e Consulenza Informatica

Oracle mira al systems management

[Fonte: www.cwi.it]

I suoi dirigenti spiegano che prossime acquisizioni potrebbero riguardare un'area sulla quale la sua offerta è ritenuta ancora debole

Oracle deve ancora saziare la sua fame di acquisizioni e ora potrebbe ora rivolgersi verso società di systems e network management, un'area sulla quale è attualmente debole. Lo rivelano alcuni suoi dirigenti sottolineando come oggi il vendor manchi di un insieme robusto di prodotti di questo tipo. In particolare è Chuck Rozwat, executive vice president, database server technology a spiegare che "si tratta di un'area sulla quale non siamo stati aggressivi. La nostra strategia negli anni è stata quella di avere un ampio set di prodotti per gestire i nostri prodotti database, applicazioni e middleware". Rozwat aggiunge che Oracle ha iniziato ad "allungarsi un poco" per gestire software terze parti come le piattaforme s WebLogic di BEA e WebSphere di IBM attraverso plug-in verso le sue offerte Enterprise Manager e Grid Control. I clienti possono inoltre utilizzare i plug-in sugli attuali prodotti Oracle di gestione per occuparsi di alcuni switch applicativi di Nortel Networks e dispositvi di storage di EMC della linea Celerra. In questo momento la casa guidata da Larry Ellison deve comunque ancora decidere se costruire o acquistare capacità di gestione aggiuntive.

Secondo il presidente Charles Phillips, Oracle continuerà in generale a ricercare potenziali acquisizioni, notando che un qualsiasi futuro acquisto sarà probabilmente inferiore ai 10,3 miliardi di dollari spesi per rilevare PeopleSoft nel gennaio 2005. "Qualsiasi cosa potremmo coprare sarà molto, molto più piccola di Oracle", aggiunge Phillips, parlando di target di possibili operazioni su realtà con circa 1.000 dipendenti rispetto ai 56.000 di Oracle.

Avendo compiuto 22 acquisizioni in due anni Oracle si è fatta una grande esperienza sull'integrazione di queste realtà. "Abbiamo capito la formula", commenta Phillips. In breve, la società ha adottato un modello che vede l'uso di forze vendite e team di sviluppo specializzati per i suoi differenti prodotti. Così quando acquista un'altra azienda aggiunge la maggioranza dei team rilevati alle sue operazioni evitando di influire in modo importante sullo staff esistente.
Commenti (0)2006-07-21