Kosmous beyond the clouds: Sviluppo, Formazione e Consulenza Informatica

Oracle conferma: un anno da record

Oracle conferma: un anno da record

[www.cwi.it] - Oracle conferma: un anno da record


Annunciati i risultati del quarto trimestre 2006 e dell'intero esercizio fiscale, in linea con i preliminari



Sono confermati i risultati positivi di Oracle anticipati dai preliminari della scorsa settimana. Il vendor americano ha infatti registrato nel quarto trimestre fiscale 2006 e nell'intero anno dei risultati che ha definito 'da record'.



Nel quarto trimestre si parla di una crescita anno su anno dell'utile netto del 27% (1,3 miliardi di dollari in totale) e del fatturato del 25% (4,9 miliardi di dollari). Gli utili per azione sono invece saliti del 24% (0,24 dollari). Non tenendo conto dell'impatto delle recenti acquisizioni, come Siebel e Retek, l'utile netto è invece aumentato del 13% a 1,5 miliardi di dollari comparato con il quarto trimestre dell'anno precedente, mentre il fatturato del 22%, con 4,8 miliardi di dollari e l'utile per azione dell'11%, a 0,29 dollari. I risultati superano, anche se di poco, le aspettative degli analisti sondati da Thomson Financial che parlavano di 4,7 miliardi e 0,28 dollari.



Il grosso del fatturato di Oracle è stato generato dalle vendite di software (4 miliardi), con quelle da nuove licenze applicative incrementate dell'83%, mentre quelle da database e middleware del 18%. Da tener conto in tal senso che Oracle ha effettuato la maggior parte delle sue acquisizioni sul mercato applicativo. Il fatturato da servizi nel trimestre è stato invece di 857 milioni di dollari (+13%).



Ciò che Oracle deve ancora individuare è il principale fattore di spinta che sta dietro alla crescita (tra l'altro i contratti software da oltre un milione di dollari sono aumentati del 39%), che si tratti di un recupero nel volume di spesa IT, una risposta diretta a una ripresa economica oppure alle "persone che si trovano meglio con Oracle", spiega Safra Catz, co-presidente e chief financial officer della società. Catz si è mostrata particolarmente sorpresa del contributo di 81 milioni di dollari della parte Siebel, il doppio rispetto alle aspettative sui prodotti software acquisiti all'inizio dell'anno. "Siamo diventati molto più importanti per i clienti", ha aggiunto Charles Phillips, co-presidente di Orcale. "Abbiamo un prodotto per praticamente ogni loro problema". Larry Ellison, chief executive officer del colosso del software, ha commentato dal canto suo che il focus di vendere suite integrate dei suoi prodotti ha iniziato veramente a ripagare in termini di guadagno di clienti e quota di mercato: "Le suite integrate stanno vincendo sulle applicazioni best-of-breed".



Passando all'intero anno fiscale 2006, Oracle ha riportato un utile netto di 3,4 miliardi di dollari (4,2 senza acquisizioni), in aumento del 17%, e un fatturato di 14,4 miliardi (14,8) in aumento del 22%. L'utile per azione è stato di 0,64 dollari (0,80). Per quanto riguarda le aspettative del primo trimestre 2007 si parla infine di un incremento anno su anno del fatturato da nuove licenze tra il 18 e il 25%, e del fatturato totale tra il 19 e il 20%.

Commenti (0)2006-06-26