Kosmous beyond the clouds: Sviluppo, Formazione e Consulenza Informatica

Installazione e configurazione dominio in BEA WebLogic

BEA WebLogic è un application server, ed è ormai da qualche anno uno fra i più utilizzati nello sviluppo di applicazioni su piattaforma J2EE. L' articolo tratterà dell' installazione e configurazione di un dominio per l' Application Server BEA WebLogic 8.1. Un dominio è in parole povere una o più istanze WebLogic Server che condividono una determinata configurazione (ruoli, utenti, politiche di sicurezza, etc).

Il programma di installazione WebServer BEA è lo strumento standard per l' installazione del BEA WebLogic Server sulla macchina desiderata (fra le architetture supportate Windows, HP-UX, IBM AIX,Sun Solaris). Il programma per l' installazione è contenuto nel file installer del WebLogic Server.

Prerequisiti di Installazione

I requisiti di sistema relativi ad un' installazione dell' application server BEA WebLogic Server 8.1 sono indicati nella seguente tabella:

Componente Requisito
Configurazione piattaforma E' richiesta una configurazione a livello di hardware, sistema operativo, SDK, supportati dalla piattaforma WebLogic. Fare riferimento a http://e-docs.bea.com/platform/suppconfigs/index.html.
Spazio su disco L' installazione del software BEA WebLogic Server 8.1 richiede circa 1GB di spazio su disco.
Memoria WebLogic Server (con il Sun Java 2 SDK)-256 MB di RAM è il requisito minimo, raccomandati almeno 512 MB.
Java 2 SDK Il programma di installazione della piattaforma WebLogic richiede un ambiente Java run-time (JRE). Il JRE è incluso nel programma di installazione di Windows ed in alcuni programmi di installazione su UNIX (generalmente, sono file con estensione .bin).

Per le altre piattaforme UNIX, il programma di installazione della piattaforma WebLogic non installa la Java 2 SDK: i nomi dei file in questo caso hanno estensione .jar. Per eseguire l'installazione del software da un .jar, è richiesta la versione della Java 2 SDK installata sul sistema, e la directory bin dell' SDK all'inizio della definizione della variable PATH. Si richiede l' uso della SDK poiché il processo di installazione imposta tutte le variabili, fra cui la variabile JAVA_HOME, e le fa puntare a questa directory.

Per quel che riguarda le modalità di installazione, sono proposte due scelte:
  • Modalità di Installazione Grafica(GUI) usando .jar
  • Modalità di Installazione da Console(shell) usando .jar
Tabella "Requisiti di Sistema"


Requisiti Spazio Temporaneo su disco

Il programma di installzione BEA utilizza una directory temporanea nella quale estrae i file necessari per installare BEA WebLogic Server 8.1 sulla macchina. Durante il processo di installazione, la directory temporanea deve avere spazio a sufficienza per contenere l'ambiente Java run-time environment (JRE) compresso nel programma di installazione ed una copia non compressa del JRE che è successivamente salvata non compressa nella directory temporanea.

I file estratti sono poi cancellati dalla directory temporanea al termine del processo di installazione.

Di default, il programma di installazione usa la seguente directory temporanea:
  • Windows -directory richiamata dalla variabile di sistema TMP
  • UNIX -directory temporanea dipendente dal sistema
Note: Se non si dispone di sufficiente spazio per eseguire il programma di installazione, viene richiesto all' utente di specificare un percorso alternativo; in alternativa, è possibile uscire dal programma di installazione. Per essere certi di disporre di sufficiente spazio temporaneo, si può pensare di cambiare la directory dove vengono fisicamente salvati i dati per l' installazione. Per eseguire un test a riguardo, seguire i passi indicati nella seguente tabella:

Piattaforma Task
UNIX Durante il lancio del programma di installazione, inserire la seguente opzione nell' interprete dei comandi:
-Djava.io.tmpdir=tmpdirpath
Nell' esempio, tmpdirpath è il path per intero della directory che si è scelto come area temporanea di spazio per il programma di installazione di WebLogic.


Licenza e Crittografia

Il software BEA WebLogic ha bisogno di una licenza valida, per essere utilizzato.

Durante l' installazione della 8.1 SP3 o superiore, il programma di installazione installa due licenze senza scadenza: una da utilizzare per lo sviluppo (license.bea) e una licenza per i deployments in produzione in versione demo(license_scale_limited.bea).

Per sfruttare appieno le possibilità offerte da BEA WebLogic in un ambiente di produzione, è necessario acquistare una licenza di produzione.

Licenze di sviluppo e produzione per versioni di WebLogic pre-8.1 non sono compatibili con la versione 8.1; ciascuna di queste licenze richiede infatti un aggiornamento alla 8.1.

La crittografia del software in SSL è gestita su due livelli: a 56-bit and 128-bit.

Nelle release BEA 8.1 SP3 e successive, i file di licenza installati attivano di default entrambi i livelli di crittografia.

Per istruzioni su come attivare la crittografia a 128-bit per versioni precedenti di WebLogic, si faccia riferimento alla nota tecnica "Enabling 128-bit encryption in SP2 or Earlier" at http://e-docs.bea.com/platform/docs81/sp_notes/sp_notes.html#128bit_encryption.


Modalità di Installazione

Il programma per l' installazione BEA supporta tre modalità di installazione:
  • Graphical user interface (GUI), la modalità che fa uso di un' interfaccia grafica
  • Console-mode (solo su piattaforma UNIX), modalità di installazione nella quale l' utente interagisce con un interprete di comandi
  • Silent mode, per gestire configurazioni duplicate su più macchine (la meno usata)
Durante il processo, sarà installato il software necessario alla configurazione di un dominio con un Server di Amministrazione (Admin) ed un utente administrator. L' Admin è il core architetturale del dominio e citando solo alcune delle funzionalità più importanti, tiene in piedi la console BEA, l' interfaccia web che gestisce la configurazione dell' Admin stesso, dei managed server, gestisce il deploy delle applicazioni, le policies per quanto riguarda la sicurezza, la configurazione degli utenti e dei ruoli.



Al termine del processo di installazione, sarà necessario provvedere alla configurazione del dominio installato; di seguito viene riportato il tutorial per la creazione e successiva configurazione del dominio:


Step1: Creazione di una configurazione WebLogic

1. Lanciare il Configuration Wizard con il comando riportato:

Piattaforma Istruzioni
UNIX
  1. Effettuare log in nel sistema
  2. Andare nella sottocartella "/common/bin" della directory di installazione. Ad es. :
    cd $BEAHOME/weblogic81/common/bin
  3. Digitare il comando: sh config.sh


Viene mostrata di seguito la maschera iniziale del Configuration Wizard:




2. Selezionare il radio-button Create a new WebLogic configuration.

3. Fare click su Next per passare alla schermata Select a Configuration Template.


Step 2: Selezionare un template di configurazione

La maschera Select a Configuration Template mostra una lista dei modelli disponibili nella directory corrente dei modelli.



La directory dei template di configurazione di default è presente in WL_HOME\common\templates\domains dove WL_HOME è la directory di installazione.

  1. Selezionare la voce Basic WebLogic Server Domain dalla lista dei modelli di configurazione WebLogic.

    Nota: Al fine del presente tutorial, è consigliata la scelta del modello di configurazione "Basic WebLogic Server Domain" poiché contiene le impostazioni baasilari per creare un dominio: un Server di Amministrazione ed un utente administrator.

    L' obiettivo di questo tutorial è creare un dominio semplice ed il modello di configurazione "Basic WebLogic Server Domain" si presta bene al caso.


  2. Fare click su Next per entrare in Choose Express or Custom Configuration

    Questa maschera fornisce le seguenti modalità d' uso per il Configuration Wizard:
    • Express-Crea un dominio con le impostazioni di default
    • Custom- Crea un dominio modificando le impostazioni per sfruttare al meglio l' hardware a disposizione


  3. Selezionare Express per creare un dominio velocemente, utilizzando le impostazioni di default.

    Note: Questa opzione è una modalità semplice e veloce di configurazione per tutti gli utenti. Affidandosi alle impostazioni di default per il modello selezionato, non c'è alcun bisogno di introdurre modifiche.


  4. Fare click su Next per accedere alla maschera Configure Administrative Username and Password

Step 3: Setup per l' accesso dell' utente administrator

  1. Nella maschera Configure Administrative Username and Password, immettere come valore per User name e User password weblogic . Si noti il doppio inserimento della password, per motivi di sicurezza.



    Nota: Solo un utente con credenziali di amministrazione può avviare il Server di Amministrazione e connettersi alla Console di Amministrazione che il Configuration Wizard crea per il dominio. Lo user name e la password inseriti in fase di configurazione sono le credenziali di accesso alla console per l'utente administrator.

  2. Fare click su Next per accedere alla maschera Configure Server Start Mode and Java SDK.

Step 4: Configurazione ambiente WebLogic

La maschera Configure Server Start Mode and Java SDK consente di avviare il server in modalità sviluppo o produzione e di selezionare quale Java SDK utilizzare.

  1. Controllare le impostazioni di default per la modalità d' avvio e la Java SDK. Mantenere lcome modalità d' avvio per il server la "modalità sviluppo". E' possibile selezionare una Java SDK diversa da quella di default.

    Note: Nel seguente tutorial, si imposta l' avvio del server in modalità sviluppo, che è poi la modalità di avvio di default.

  2. Fare click su Next per accedere alla maschera Create WebLogic Configuration.

Step 5: Creazione dominio e del server di amministrazione

La maschera Create WebLogic Configuration consente di definire i dettagli della configurazione, path e nome file relativi al dominio.

La directory di configurazione default è BEA_HOME\user_projects\domains\domain dove BEA_HOME è usata come archivio per i file comuni usati dai prodotti BEA installati sulla macchina, mentre domain è la directory definita, di default, dal modello di configurazione selezionato. Per quel che riguarda il modello "Basic WebLogic Server Domain", la directory definita di default è mydomain.



  1. Mantenere le impostazioni di default per path e nome file e fare click su Create per creare il dominio.

    La barra di avanzamento tiene traccia dello stato di avanzamento per l'intera durata del processo di configurazione.

    Il Configuration Wizard crea un dominio basato sul modello "Basic WebLogic Server Domain" - un semplice dominio WebLogic Server con un Server di Amministrazione gestito da un singolo utente administrator.

  2. Nella maschera Creating Configuration, eseguire i passi come descritti dalla seguente tabella per terminare il processo di configurazione ed avviare il Server di Amministrazione.
Piattaforma Istruzione da eseguire
UNIX - Linux Fare click su Done. Per avviare il Server di Amministrazione:
  1. Aprire una shell sulla macchina dove è stato creato il dominio.
  2. Entrare nella directory di installazione.
  3. Digitare il comando:
    ./startWebLogic.sh


Step 6: Log in sulla Console e controllo delle impostazioni di configurazione

Una volta che il Server di Administrazione si trova in "RUNNING MODE" (è possibile seguire la diagnostica relativa allo start-up del server tramite log applicativo nella cartella definita in fase di configurazione {di default BEA_HOME\user_projects\domains\domain\log\domain}), è possibile effettuare accesso alla console web di Amministrazione (un' interfaccia web) e controllare le impostazioni di configurazione fornite dal modello di configurazione per il dominio appena configurato "Basic WebLogic Server Domain".

  1. Accedere tramite Web browser al seguente URL:
    http://hostname:port/console
    Valorizzare hostname con il DNS name o indirizzo IP del Server di Amministrazione, port con il numero di porta sulla quale il Server Amministrazione è in ascolto per quel servizio (di default è 7001). Ad es.:
    http://localhost:7001/console
  2. Sulla pagina di login della Console di Amministrazione, immettere weblogic come valore per username e password richiesti per entrare nella console web. Fare poi click su Sign In.

  3. Nel pannello di sinistra della Console di Amministrazione, espandere la cartella Servers.

  4. Fare click sul nome del server, per esempio, myserver.

  5. Nel pannello di destra, selezionare il tab di Configurazione e controllare l'informazione disponibile nell' area di Configurazione.

A questo punto, il processo di installazione e configurazione del dominio è terminato e può essere utilizzato a scopo di test per lo sviluppo di applicazioni su piattaforma J2EE.

Per ulteriori riflessioni, eventuali segnalazioni di errori o quant' altro, Vi invitiamo ad inviarci commenti.

Marco Bianchi
Commenti (2)2009-06-17

14/11/2011 - Giorgio scrive:
Ciao sto facendo un progetto Pracle forms. Ho già installato correttamente Bea WebLogic ma ora non riesco a caricare il mio progetto sul server per poterlo navigare dal browser? Sto impazzendo Aiuto!!!!!!
07/04/2011 - massimo scrive:
salve come faccio a dire a bea di non utilizzare il proxy per determinati indirizzi?